Perché alcuni di noi non hanno un’unica vera vocazione (TED talk)

Cosa vuoi fare da grande? Se questa domanda ti causa un senso di ansia, se non hai mai trovato una risposta unica, se passi da un’occupazione all’altra spinto/a da un misto di noia e curiosità.. non sei sbagliato/a, sei una persona multipotenziale.

Mi è capitato spesso di parlare con persone che si sentono senza vocazione, persone che invidiano chi nasce pompiere, medico o avvocato, perché loro invece non hanno le idee chiare, non si sanno decidere. Persone che passano da un’attività all’altra, in continua ricerca. Persone che si annoiano facilmente, e non appena imparato abbastanza su un soggetto perdono interesse e passano ad un altro. Chissà quanti, parlando con me, mi avranno sentito dire le stesse cose. Nel corso degli anni ho imparato ad accettare questa mia caratteristica. Ho iniziato a vedermi come una persona capace di fare tante cose differenti, magari non al 100%, ma sufficientemente bene. Certo, non è sempre facile sapere di essere capace, ma non esperto. Non è sempre facile accettare il fatto di non avere quella diavolo di unica vocazione.

 

Oggi è uno di quei giorni in cui non è facile. Non è facile perché ad un certo punto ti ritrovi a dubitare di te stesso, a dubitare delle tue capacità, perché alla fine non sei un esperto di niente, non hai una vita professionale stabile, magari ne hai dieci instabili, ma una sicura, decisa, certamente no. In giorni come oggi il futuro ti sembra incerto, ti sembra in mano ad un gruppo di persone di cui tu non fai parte. Il gruppo di chi ce l’ha una vocazione, la segue, ne diventa esperto. Fortunatamente invece di disperarmi ho iniziato a cercare un po’ di ispirazione e sono capitato su questo TED talk di Emilie Wapnick, intitolato: “Why some of us don’t have one true calling?”. 

 

Se anche a voi è capitato di chiedervi perché non avete un’unica vocazione, se anche a voi ogni tanto capitano giorni in cui non sapete più dove sbattere la testa e vi sentite un po’ persi, questo TED talk potrebbe contenere un po’ di risposte.

 

Nella parte iniziale del video, Emilie Wapnick, parla proprio di questi dubbi e incertezze, di come la domanda “cosa vuoi fare da grande?” rappresenta per alcune persone una causa di ansia, perché invece di avere una risposta, queste persone hanno una collezione di tentativi, di interessi iniziati e poi lasciati perdere, di passioni momentanee. Queste persone spesso sono portate a pensare di essere inconcludenti, di non avere costanza, di auto sabotare se stesse o il proprio successo.. tutti pensieri che portano ad un bel carico di ansia.

Ci sono persone, spiega Emilie Wapnick, che non sono programmate per avere un unico interesse, ma che invece sono curiose e interessate a diverse cose. La nostra società però, prosegue, non è fatta al momento per questo tipo di persone, che finiscono per sentirsi sole, diverse. Persone che sono portate a pensare di non avere uno scopo, o di essere sbagliate. Ma non è così, semplicemente siete persone multipotenziali (una mia personale traduzione di multipotentialite, termine usato nel video).

Chi è una persone multipotenziale?

Emilie Wapnick, cito e traduco da wikipedia, conia questo termine per definire persone con queste caratteristiche:

persone con molti e diversi interessi, spinte da uno spirito di vita creativo. I multipotentialite non hanno una vera vocazione, al contrario degli specialisti. [..] Hanno molti percorsi da seguire, simultanei o sequenziali (o entrambi). Le persone multipotenziali prosperano nell’imparare, nell’esplorare, nell’apprendere nuove abilità. 

Insomma non persone sbagliate, inconcludenti, ma semplicemente con caratteristiche diverse da chi segue una innata e unica vocazione.

WOW.

Il video continua evidenziando tre caratteristiche che la multipotenzialità accresce:

  1. Capacità di sintetizzare, unire, idee
    Cioè unire le conoscenze in diversi settori per creare qualcosa di nuovo.
  2. Velocità di apprendimento
    Visto che sono persone che si annoiano velocemente, i multipotentialite sono esperti nell’imparare velocemente e il più possibile, prima che l’interesse svanisca.. e non sapendo quando/se questo succederà, cercano di imparare il più possibile.
  3. Adattabilità
    Le persone multipotenziali si adattano alle situazioni, mettendo in campo caratteristiche diverse apprese in diversi settori, a seconda della necessità del momento.

Queste caratteristiche/capacità non sono banali, soprattutto nel mondo complesso in cui viviamo oggi.

Questo video da un po’ di speranza a chi ancora non si sente a proprio agio nei panni di un multipotenziale, in chi non crede nelle proprie capacità di imparare e spaziare in vari settori, a chi ancora non ne vede i benefici. Avere una vocazione vera e unica è una cosa stupenda, per chi ce l’ha, ma non è l’unico modo di essere e soprattutto non deve essere per forza il modo giusto. Il segreto sta nel sapere utilizzare ciò che vi è stato dato, ciò che avete acquisito nei vari tentativi, nelle varie passioni e interessi.

Insomma, se anche voi vi sentite parte di questa comunità di multipotenziali, è ora di smettere di crearsi dei problemi, è ora di smettere di ascoltare chi ha dei dubbi sul vostro modo di essere, è ora di accettare chi siete e sviluppare il vostro potenziale, anzi i vostri multi potenziali!

Buona visione!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.